Anche in presenza di un codice disciplinare che collega a precise mancanze determinate sanzioni, il compito del giudice è quello di valutare in concreto la proporzionalità di queste ultime, in particolare, alla luce della qualità del rapporto e dell’entità degli addebiti, sia oggettivamente che sul piano soggettivo.

Cassazione 4 Aprile 2016 n. 6442

Approfondimento a cura di Stefano Sparpaglione.

Per maggiori informazioni sull’argomento è possibile contattarlo direttamente all’indirizzo stefano@sparpaglione.it