La ex moglie infedele e che vanta un reddito maggiore del marito, dovrà pagare un assegno di mantenimento come contributo al mantenimento dell’ex coniuge e dovrà inoltre provvedere interamente al mantenimento dei figli. E’ onere di chi tradisce dimostrare che tutto andava già a rotoli e che la relazione ‘extra’ non ha intaccato più di tanto “una situazione matrimoniale già compromessa”.

(Corte di Cassazione, sentenza n. 10823 del 05/07/2016)

Approfondimento a cura di Renata Pilello.

Per maggiori informazioni sull’argomento è possibile contattarla direttamente all’indirizzo renata@sparpaglione.it