Il medico deve svolgere la sua attività professionale secondo canoni di prudenza, diligenza e perizia scientifica; pertanto, qualora il giudice accerti l’omissione di tali cautele e che la condotta doverosa, se fosse stata tenuta, avrebbe impedito il verificarsi dell’evento, può ritenere, in assenza di altri fattori alternativi, che tale omissione sia stata causa dell’evento lesivo (cfr. Cass. 8461/2019).

Approfondimento a cura di Roberto Sparpaglione.

Per maggiori informazioni sull’argomento è possibile contattarlo direttamente all’indirizzo roberto@sparpaglione.it