Diritto Sanitario

/Diritto Sanitario
Diritto Sanitario2017-02-20T11:43:16+01:00

Diritto Sanitario

Risarcimento per omessa diagnosi al malato terminale

Qualora la mancata diagnosi di un processo morboso terminale che abbia determinato la ritardata esecuzione dell’intervento chirurgico che normalmente si sarebbe dovuto praticare per evitare che l'esito definitivo del processo morboso si verificasse anzitempo [...]

Danno da omessa diagnosi

L'omissione della diagnosi di un processo morboso terminale comporta un danno alla persona qualora risulti che, per effetto dell'omissione, il paziente abbia perduto la chance di vivere alcune settimane od alcuni mesi in più [...]

Principio del “più probabile che non”

In ordine al nesso di causalità, qualora il giudice non sia in grado di accertare in modo certo e pieno che il danno derivi dalla condotta del medico e/o della struttura, occorrerà verificare se [...]

La prova del danno

Il danneggiato deve allegare specificamente la mancata guarigione o l'aggravamento della patologia di ingresso in ospedale e gli specifici profili di inadempimento del medico e/o della struttura nosocomiale; il medico e/o la struttura hanno [...]

Onere della prova del danno

Il danneggiato deve indicare in modo serio (vale a dire non apodittico), preciso e specifico (quindi non solo con la descrizione della condotta che si assume errata ma anche con la illustrazione delle ragioni [...]

Criteri per il risarcimento del danno

Per il riconoscimento di un danno il più personalizzato possibile, occorre avere riguardo, in modo particolare, all’età della danneggiata, alla finalità dell'intervento,  alla gravità delle lesioni, alla loro ripercussione sulle attività ordinarie che caratterizzano [...]

Responsabilità sanitaria: nesso di causalità.

Il medico deve svolgere la sua attività professionale secondo canoni di prudenza, diligenza e perizia scientifica; pertanto, qualora il giudice accerti l'omissione di tali cautele e che la condotta doverosa, se fosse stata tenuta, [...]

Obbligo di rilevare il consenso informato

“L'obbligo del consenso informato costituisce legittimazione e fondamento del trattamento sanitario, senza il quale l'intervento del medico è - al di fuori dei casi di trattamento sanitario per legge obbligatorio o in cui ricorra [...]

Triage: errore dell’addetto

L’errore nell’assegnazione del codice durante il triage comporta responsabilità penale dell’infermiere (nella specie, omicidio colposo) quando, sulla base di un giudizio di alta probabilità logica, sia possibile stabilire che la corretta valutazione delle condizioni [...]

Equipe medica: responsabilità

La responsabilità penale di ciascun componente di una equipe medica non può essere affermata sulla base dell’accertamento di un errore diagnostico genericamente attribuito alla equipe nel suo complesso, ma va legata alla valutazione delle [...]

La riforma della responsabilità medica è legge!

Il testo del d.d.l. Gelli ("Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie") è stato approvato in via definitiva dalla Camera. I punti salienti della riforma [...]

Errore medico e ritardo diagnostico

Non vale ad escludere la responsabilità del medico il fatto che la terapia chirurgica sarebbe stata comunque indicata anche nel caso di diagnosi anticipata, perché il giudice del merito avrebbe dovuto approfondire gli effetti [...]